UNCOVERED

Photo&Contemporary, Torino

Dal 16/05/2013 al 31/07/2013

Thomas Allen


Da sempre affascinato dai libri “pop-up”, Thomas Allen (1963) sfoggia un talento infallibile nel ricreare l’illusione di tridimensionalità, usando vecchi libri di pulp fiction come soggetti per i suoi set. Questi volumi dalle copertine screpolate e dalle pagine scolorite non sono, per l’artista , semplici oggetti da esibire su uno scaffale, ma piuttosto un prodigioso inventario di personaggi e scene in attesa di essere diretti. Thomas Allen ritaglia pazientemente i contorni delle figure liberandole dalla loro bidimensionalità cartacea : i personaggi liberati dai vincoli delle copertine ed animati grazie a un sapiente uso delle luci e dell’obiettivo diventano attori su di un surreale palcoscenico. Piegati e posizionati, il dramma progettato va in scena. Nella serie di lavori qui presentata, la narrazione è concentrata in particolare sull’epilogo, spesso lo scenario di un crimine: il come ed il perché gli attori di questo dramma si ritrovano riuniti è lasciato all’interpretazione ed alla fantasia dell’osservatore.

05030e36-58cd-4190-8191-c4fc4c7c3b4d.jpgb9a57870-f6c5-4c1d-8f7e-e02d5e4faea6.jpg6b5383a1-41d6-4b09-ad98-cde5add9b905.jpgd2069591-312f-4c58-8d64-f12af4b5b227.jpg88adb0db-d641-4938-9c9f-87ec98ce7132.jpg61c42ac8-3da7-479d-b3ac-7fa2308aa003.jpgf3963df7-32d3-45e0-bc38-5092c4187569.jpg9bb2a886-adcf-4a5b-8c3f-b6623a84d970.jpg8ebe9a4f-4f78-4195-81f0-4417886f18ff.jpgd73686d9-c2ca-4480-8df3-01abe0619b2d.jpg3286fbf7-4a40-4c78-9b36-4c289d6c53e0.jpg3b83ad1a-648e-451a-af44-90753495378e.jpg