Curriculum


Emil Lukas utilizza una vasta gamma di materiali che vanno dal gesso, al legno, alla tela e ai rifiuti.
Le opere di Lukas, tuttavia, non possono essere propriamente catalogate come scultura o pittura: sono piuttosto lavori tridimensionali, costituiti da diversi strati sovrapposti in cui interno e esterno, superficie e supporto perdono la loro distinzione gerarchica per assumere uguale importanza
Il linguaggio astratto di Emil Lukas è vario e complesso dal momento che usa tecniche impersonali sempre diverse tra loro: tirare un migliaio di fili su un telaio sino a ottenere magnifici effetti di luce e dissolvenza cromatica oppure sfruttare l'energia cieca di larve di insetti, che muovendosi su gocce di colore stese sulla carta formano reticoli affascinanti oppure imprimere fogli di pluriball nel gesso e nella resina ottenendo calchi dai colori fantastici.
“Ciò che mi appassiona profondamente è l’idea di esplorare materiali semplici,abbondanti ed accessibili,ma dall’immenso potenziale visivo. Amo cercare di creare qualcosa dal nulla attraverso processi complicati e che l’accumulazione di questi atti possa dissolversi in arte”.
Le opere esposte fanno parte delle serie “Larva Paintings”, “Thread Paintings” e delle conosciute “Bubble wrap works”
Emil Lukas è nato a Pittsburgh, U.S.A., nel 1963. Vive e lavora a Stockertown. L’artista ha recentemente esposto i propri lavori presso l’Hunterdon Museum, New Jersey, presso la nuova galleria di Gian Enzo Sperone a Sent in Engadina nella personale “Accumulate and Dissolve” e presso il nuovo spazio newyorkese di Sperone Westwater nella Bowery nella personale “Emil Lukas: Larva, Bubble and Thread”.